Il canto epico tuul

Genere
Area geografica di riferimento
Aree geo-culturali
Nome del paese
Video di presentazione

Descrizione

Tradizionalmente nomadi, i popoli mongoli, suddivisi in numerosi gruppi etnici, sono attualmente stanziati soprattutto in Mongolia e nella confinante Mongolia Interna (una regione speciale della Cina). La musica tradizionale di questi popoli, prevalentemente vocale, presenta tratti delle forme, degli stili e della prassi musicale che differiscono a seconda del gruppo etnico. Il canto epico (tuul) è basato su cicli epici in cui, generalmente, l’eroe riesce a sconfiggere le forze del male dopo aver superato una serie di difficoltà. Lo stile in cui la narrazione epica viene cantata è chiamato häälah (hailah) ed è correlato al canto difonico (höömii), in quanto il cantore produce armonici che, tuttavia, non costituiscono una nuova melodia; il canto può essere accompagnato dal liuto bicorde topshuur o dalla viella bicorde ikil. I più brevi üliger sono cantati senza accompagnamento. L'epica Khan Kharangui (Khan Harangui), insieme ai cicli epici Geser e Janggar, è nota sia in forma scritta, che orale.

Approfondimento
Voci e strumenti

- voce

- ikil: viella bicorde 

Documentazione

Bibliografia

Pegg, C.: Mongol music, in The new Grove dictionary of music and musicians,2nd edition (a cura di S. Sadie), The Macmillan Press, London, vol. 16, pp. 923-934, 2001.

Pegg, C.: Mongolian Music, Dance & Oral Narrative. Performing Diverse Identities. University of Washington Press, Seattle & London, 2001.

Risorse web

Sito di approfondimento sull’epica Khan Kharangui

Video di approfondimento sul canto epico dei popoli Mongoli (UNESCO)

Autore scheda
VDR
Licenza

Licensed under Creative Commons Attribution Noncommercial Share-Alike 3.0
 

Modificato
05/01/2019

Condividi:

 

Condividi: