Angiolini, Gasparo

Immagini (Secondarie)
Didascalie

1) Frontespizio del libretto Le Festin de pierre (1761).

Data di nascita
9 febbraio 1731
Data di morte
6 febbraio 1803
Paese
Categoria
Biografia

Gasparo [anche Gaspero, Gaspare] Angiolini, nome d’arte di Domenico Maria Angiolo Gasparini, fu un danzatore, coreografo e compositore italiano. Figlio d’arte, Angiolini nacque a Firenze. Formatosi con il padre Francesco, fece le prime esperienze come ballerino in Italia tra il 1748 e il 1753, anno in cui debuttò come coreografo al Teatro delle Dame di Roma. 

Trasferitosi a Vienna nel 1754, collaborò, insieme alla moglie Teresa Fogliazzi, con Franz Anton Hilverding, maître de ballets dei teatri imperiali, che Angiolini riconobbe come suo maestro. Dopo la partenza di Hilverding da Vienna nell'autunno 1758, Angiolini fu nominato suo successore realizzando in un primo tempo balletti nello stile coreografico del maestro (es. Les Miquelets Les Corsaires). A partire dal 1761, grazie alla collaborazione con il compositore Christoph Willibald Gluck e il librettista Ranieri de’ Calzabigi, Angiolini cominciò ad allontanarsi dai balletti di stampo tradizionale, avviando una ricerca che andava verso una maggiore verità ed espressività. Il primo frutto fu fu Le Festin de Pierre (più tardi denominato Don Juan, ou Le Festin de Pierre), trasposizione coreografica dei momenti salienti del quarto e del quinto atto dell'omonima commedia di Molière. Il coreografo italiano realizzò una creazione ben equilibrata fra drammaticità e divertimento, nella quale veniva data rilevanza psicologica ai personaggi grazie a una pantomima espressiva con cui i danzatori rendevano le diverse emozioni, e per la note di colore spagnolo dell'ambientazione.

L’anno successivo, 1762, Angiolini compose Citeria Assediata, riduzione in balletto pantomimo dell’opéra comique di Gluck La Cythère assiégée del 1757. Nello stesso 1762, Angiolini creò anche i quattro balli tra gli atti dell’opera di Gluck Orfeo ed Euridice ai quali fece seguito Sémiramis del 1765, prima composizione ispirata a un testo tragico (in questo caso l’omonima tragedia di Voltaire) e lavoro in cui portò a compimento la sua riforma del balletto in parallelo con la coeva riforma dell'opera. Come spiega il coreografo in Dissertation sur les ballets pantomimes des Anciens, testo teorico che sostituiva il programma del ballo Sémiramis, la scelta di rivolgersi al teatro tragico era stata ispirata dalla bravura di Nency Trancart, già interprete dei balletti tragici di Jean-Georges Noverre a Stoccarda Médée e Les Danaïdes.

Nel 1766, Angiolini proseguì la sua carriera a San Pietroburgo, ereditando anche in questo caso il posto del suo maestro Hilverding e presentando, il 29 settembre dello stesso anno, Le Départ d'Énée, ou Didon Abandonnée, versione coreografica, per la quale Angiolini stesso compose la musica, della Didone abbandonata di Pietro Metastasio. A Pietroburgo Angiolini restò fino al 1772 e vi tornò altre volte, componendo sia balletti autonomi sia divertissements per i drammi musicali (in particolare per quelli di Giovanni Paisiello) e assumendo, a partire dal 1782, anche la direzione della scuola di ballo del teatro.

In Italia, Angiolini fu particolarmente attivo a Venezia, dove ripropose suoi balli (Semiramide e Didone abbandonata, di cui fece stampare la musica) e ne presentò di nuovi (Il Re alla Caccia, Il disertore francese), e a Milano, con L'Orphelin de la Chine, Le Roi et le Fermier, Cid, Montezuma, ou La Conquête du Mexique e, in seguito, Annetta e Lubino, Alzira, ossia Gli Americani, Il Diavolo a Quattro, o La Doppia Metamorfosie Amore e Psiche del 1789, la sua ultima produzione milanese.

Nel 1773 pubblicò una lettera indirizzata a Jean-Georges Noverre, nella quale criticava le posizioni teoriche del suo avversario e analizzava alcuni principi della danza e della coreografia ripercorrendo tappe della storia teatrale attraverso significativi esempi sia dei tempi passati sia di quelli contemporanei. Con la replica di Noverre ad Angiolini l’anno successivo, la Petite réponse aux grandes lettres du Sr. Angiolini, che faceva anche da introduzione al programma del ballo noverriano Les Horaces et les Curiaces, nacque la famosa polemica tra i due coreografi che coinvolse anche i letterati e i filosofi italiani in una disputa storico-estetica sulla danza come arte.

Nel 1797 Angiolini aderì alla Repubblica Cisalpina e all’ideologia rivoluzionaria, tanto che compose balli inneggianti alle idee francesi come Il Repubblicano o Il sogno d’un democratico. Proprio per le sue posizioni politiche fu arrestato dalla polizia austriaca nel 1799 e deportato alle Bocche di Cattaro dove restò fino al 1801.

Morì a Milano due anni dopo.

Dopo le prime affermazioni del 1761, in cui propose di conferire dignità intellettuale e validità storica ai balli pantomimi, sostenendone la derivazione dalla “pantomima degli Antichi”, Angiolini si pose in netta contrapposizione con le teorie noverriane, in particolare nell'attenersi al rispetto delle unità aristoteliche del teatro drammatico e nel ritenere inutili lunghi e dettagliati programmi di ballo. Angiolini trasse spunto principalmente dai drammi dei più autorevoli autori francesi del teatro drammatico (Molière, Voltaire, Racine) la cui notorietà favoriva la comprensione degli sviluppi dei suoi soggetti di ballo da parte del pubblico. Sul piano tecnico un’altra differenza sostanziale distanziava i due coreografi: la “pantomima camminata” di Noverre, e la cosiddetta “pantomima misurata” di Angiolini. Ciò perché nel balletto noverriano danza e mimica erano distinti, mentre in quello angioliniano, avvalendosi il coreografo anche della propria formazione in campo musicale, la composizione si basava sulla fusione di mimica e danza tipica della linea italiana. 

Negli ultimi decenni del Diciottesimo secolo Angiolini, insieme alla moglie Maria Teresa Fogliazzi, creò a Milano un salotto frequentato dai rappresentanti dell’Illuminismo lombardo, quali Cesare Beccaria, Giuseppe Piermarini e Giuseppe Parini. Uomo di grande cultura, Angiolini ha lasciato un segno duraturo, contribuendo alla creazione del balletto narrativo e autonomo all'interno della riforma avviatasi nella seconda metà Settecento.

Bibliografia

Gerhard Croll, Angiolini, Gaspero, in edited by Selma Jeanne Cohen and Dance Perspectives Foundation, The International Encyclopedia of Dance, Oxford University Press, Online Version, 2005.

Claudia Celi, Angiolini Gasparo ou A. Gaspare, in sous la dir. de Philippe Le Moal, Dictionnaire de la danse, Paris, Larousse, 1999, p. 15.

Kathleen Kuzmick Hansell, Il ballo teatrale e l'opera italiana, in Storia dell'opera italiana, a cura di Lorenzo Bianconi e Giorgio Pestelli, Torino, EDT 1988; vol. 5, p.222-223.

Flavia Pappacena, Per una Storia della danza. Danza italiana e/o francese? Ripensare il Settecento, in «Acting Archives Review», a. V, n. 9, maggio 2015, pp. 84-156.

Lorenzo Tozzi, Il balletto pantomimo del Settecento: Gaspare Angiolini, L’Aquila, Japadre, 1972.

Rita Zambon, Il Settecento e il primo Ottocentoin a cura di José Sasportes, Storia della danza italiana dalle origini ai giorni nostri, Torino, EDT, 2011, pp. 117-182.

Balli teatrali a Venezia, 1746-1859: partiture di sei balli pantomimici di Brighenti, Angiolini e Viganò, saggio introduttivo a cura di José Sasportes, catalogo generale cronologico dei balli teatrali a Venezia a cura di Elena Ruffin e Giovanna Trentin, Milano, Ricordi, 1994.

Libretti

Opere

Interpretazioni e altri documenti

Opere danza

Autore scheda
NTO

Licenza

Licenza

Licensed under Creative Commons Attribution Noncommercial Share-Alike 3.0
 

Modificato
23/04/2019

Condividi:

 

Condividi: