Coreografo
Immagini (Secondarie)

Frontespizio del programma di ballo.

Programmi di ballo - Allegati
Generi e forme danza
Epoca
Anno o data di composizione
1813
Anno di prima pubblicazione
1813
Descrizione

Prometeo, ballo mitologico inventato e posto sulle scene del R. Teatro alla Scala di Milano da Salvatore Viganò, nella primavera del 1813.

Nel 1801 Viganò realizzò un ballo in tre atti ispirato al personaggio mitologico Prometeo, dal titolo Gli uomini di Prometeo ossia la forza della musica e della danza, che fu rappresentato al Teatro di Porta Carinzia in Vienna, con musica di Ludwig van Beethoven. Il ballo doveva essere un omaggio all'imperatrice Maria Teresa, protettrice degli artisti e sostenitrice del teatro musicale di corte.

Il Prometeo scaligero, invece, un affresco in sei quadri sulla civilizzazione dell'uomo voluta del titano, era una ripresa ampliata della composizione viennese basata su una diversa prospettiva e una maggiore profondità concettuale. Il ballo, infatti, era ispirato al poema omonimo di Vincenzo Monti. Per questa coreografia Viganò utilizzò alcune parti della musica composta da Beethoven per la rappresentazione viennese, a cui aggiunse pezzi da lui stesso composti e brani musicali di altri autori, come Franz Joseph Haydn e Joseph Weigl .

Autore scheda
NTO

Licenza

Licenza

Licensed under Creative Commons Attribution Noncommercial Share-Alike 3.0
 

Modificato
05/01/2019

Condividi:

 

Condividi: