Coreografo
Generi e forme danza
Epoca
Anno o data di composizione
1913
Registrazioni audio/audiovideo

Descrizione

Poema danzato in un atto, musica di Claude Debussy. Prima rappresentazione a Parigi, Théâtre de Champs-Élysées, il 15 maggio 1913. Scenografia e costumi Léon Bakst. Jeux (Giochi) è una coreografia per soli tre danzatori: due giovani donne e un uomo che all’epoca furono Tamara Karsavina, Ludmilla Schollar e Nijinsky. Nel video qui inserito, il balletto è realizzato secondo la ricostruzione di Millicent Hodson e Kenneth Archer.

Il titolo evoca non solamente il gioco del tennis, ma anche quello erotico, dato che i personaggi, nel loro corteggiamento, suggeriscono un ménage à trois. Dopo la grande rottura con la tradizione creata dalla coreografia L' Après-midi d’un Faune, Nijinsky, con Jeux, realizzò una commistione coreografica tra pose libere e tecnica accademica. Nel lavoro si nota l’influenza che ebbero i quadri tahitiani del pittore Paul Gaguin sul coreografo, ben visibile nel raggruppamento scultoreo dei tre danzatori, i cui gesti (ad esempio, le braccia piegate, ma con le mani in pugno sciolto) dovevano rappresentare una rievocazione in chiave coreografica degli atteggiamenti degli atleti.

Autore scheda
NTO

Licenza

Licenza

Licensed under Creative Commons Attribution Noncommercial Share-Alike 3.0
 

Modificato
05/01/2019

Condividi:

 

Condividi: