Immagini della performance. Foto di Enrico Maria Bertani ed Emmanuele Coltellacci.

Performer
Elena Annovi
Anno
2017
Area geografica di riferimento
Paese
Italia
Contesto
Video di presentazione

Descrizione

Dökk (in islandese “buio”) è una performance multimediale prodotta dal collettivo italiano fuse* e presentata al Biela Noc di Bratislava nel 2017. Naturale continuazione di Ljós (2014), raffigura un viaggio nell’inconscio in cui la realtà è rappresentata da una sequenza di dieci “stanze”, ossia luoghi della mente in cui si materializzano e si dissolvono universi che evocano diverse fasi della vita. Per ottenere l’interconnessione tra la performer Elena Annovi e gli elementi scenici che la circondano, il collettivo fuse* sperimenta nuove modalità di progettazione dello spazio performativo. L’ambientazione digitale e sonora è ottenuta con un sistema che elabora in tempo reale i dati rilevati dai sensori biometrici e di movimento, indossati dalla performer e disposti sul palco, con i dati provenienti dall’analisi emotiva dei messaggi condivisi sui social network durante la rappresentazione. Essendo frutto dell’imprevedibilità delle informazioni analizzate, lo spettacolo assume forme diverse ad ogni rappresentazione.

Dökk
Produzione: fuse*
Direzione Artistica, Produzione Esecutiva: Mattia Carretti, Luca Camellini
Concept: Mattia Carretti
Composizione Coreografica, Performer: Elena Annovi
Supervisione Software: Luca Camellini
Software: Paolo Bonacini, Matteo Mestucci, Samuel Pietri
Sound Design: Riccardo Bazzoni
Hardware Engineering: Matteo Mestucci
Direttore di Produzione: Filippo Aldovini
Supporto allo sviluppo del Concept: Giulia Caselli
Consulente Scientifico: Margherita Carretti
Collaboratori: Mark van de Korput, Clizia Welker, Enrico Viola
Disegno luci: Marcello Marchi

Documentazione

Documentazione di riferimento

http://fuseworks.it/it/project/dokk-it/

Altre risorse collegate

Autore scheda
SMO

Licenza

Licenza

Licensed under Creative Commons Attribution Noncommercial Share-Alike 3.0
 

Modificato
05/01/2019

Condividi:

 

Condividi: