Il Koto

Genere
Area geografica di riferimento
Aree geo-culturali
Nome del paese
Interprete/interpreti

Matsuo Keiko, Ueno Kazuko

Autore/autori

Mitsuzaki Kengyō

Anno di registrazione
1974
Video di presentazione

Descrizione

All’interno del repertorio per koto sōkyoku possono distinguersi due tradizioni, una più antica (tsukushi-goto), e un’altra posteriore (zokusō), con la quale il sōkyoku viene oggi generalmente identificato. Questo repertorio è ulteriormente diviso in tre scuole, yatsuhashi-ryū, ikuta-ryū e yamada-ryū. Godan-kinuta, facente capo al repertorio ikuta-ryū, è una composizione per due koto di Mitsuzaki, un musicista attivo in Giappone nella prima metà del XIX secolo, cui venne conferito il titolo onorifico di Kengyō (privilegio concesso a celebri musicisti e compositori ciechi). Il titolo di questo brano (noto anche come godan-ginuta) fa riferimento alla sua forma, composta da cinque sezioni (godan), e al suo ritmo, che ricorda il suono del kinuta (un blocco di legno un tempo usato per battere i panni). Nell’esempio vengono proposte la terza, la quarta e la quinta sezione del brano.

Approfondimento
Koto.pdf68.64 KB
Voci e strumenti

- koto: cetra

Documentazione

Bibliografia

Adriaansz W.: Koto, in The new Grove dictionary of music and musicians, 2nd edition (a cura di S. Sadie), The Macmillan Press, London, Vol. 13, p. 839, 2001.

Adriaansz W.: Kumiuta and Danmono. Traditions of Japanese Koto Music, University of California Press, Berkeley, 1973.

Fujie, L.: Asia orientale/Giappone, in I mondi della musica. Le musiche del mondo (a cura di J. Titon), trad. ita. Zanichelli, Bologna, pp. 332-385, 2002.

Sachs, C.: Storia degli strumenti musicali, trad. ita. Arnoldo Mondadori, Milano, 1980.

Risorse web

Libretto dell’album da cui è tratto il brano

Autore scheda
VDR
Licenza

Licensed under Creative Commons Attribution Noncommercial Share-Alike 3.0
 

Modificato
05/01/2019

Condividi:

 

Condividi: